Set 21 2015

Si è tenuta dal 17 al 20 Settembre la quarta edizione di Taste of Roma, uno dei più importanti eventi enogastronomici dell’anno. Come sempre, la manifestazione è stata ospitata all’Auditorium Parco della Musica, situato a Roma in viale Pietro De Coubertin 30, zona Villaggio Olimpico – Flaminio.

Ovviamente presenti gli stand di molte aziende che esponevano e vendevano i loro prodotti di alta qualità, alcune offrendo anche delle gradevoli degustazioni. Possiamo citare, tra le altre: Aromacademy, accademia di pasticceria e zucchero artistico, che offriva degustazioni delle sue delizie, tra cui squisiti biscottini alla vaniglia e al cioccolato, cake al cioccolato con gocce di cioccolato fondente e macarons ai gusti cioccolato, cioccolato e arancia, fragola, pistacchio e limone; Caseificio La Baronia, dove era possibile degustare dell’eccellente mozzarella di bufala campana DOP sia classica che affumicata e la ricotta, anch’essa di bufala DOP; Colfiorito, che offriva degustazioni di Scaldatelli tradizionali, Parmigiano Reggiano di montagna stagionato 24 mesi, olive, salame, tonno siciliano ed altre prelibatezze; Metro, dove si potevano assaggiare salumi (tra cui ottimi cubetti di mortadella), formaggi e crostini con olive verdi e nere, tartufo e pomodori secchi; Prosciuttificio Bedogni Egidio, dal quale, ovviamente, si poteva degustare un eccellente prosciutto crudo; Pasticceria siciliana F.lli Taibi, dove era offerto un notevole pezzetto di cialda del cannolo siciliano con sopra la ricotta.

Si sono tenuti, come di consueto, showcooking e corsi di cucina, anche per i più piccoli. Interessante novità il “blind taste”, durante il quale il pubblico, bendato, deve imparare a riconoscere solo attraverso l’olfatto ed il gusto quello che sta mangiando.

La maggiore attrattiva di Taste of Roma, è stata però, come sempre, la presenza di 12 grandi chef che hanno deliziato il pubblico con le loro migliori creazioni gastronomiche, messe in vendita, per la gioia del palato dei presenti, negli stand dei loro ristoranti gourmet. Ricordiamo tra loro, il famigerato Heinz Beck, chef di La Pergola del Rome Cavalieri (3 stelle Michelin), nel cui stand si sono potuti gustare, con grande soddisfazione, gli ottimi sedanini De Cecco con gamberi rossi, purea di melanzane affumicata e croccante di pane e come dolce la sublime Choco Passion, ideale per i golosi di cioccolato e non solo.

In conclusione, una manifestazione di alto livello enogastronomico, che ha avuto anche quest’anno, meritatamente, un grande successo di pubblico, nonostante la non economicità. Questo dimostra che le persone intelligenti i soldi li spendono con piacere quando ne vale veramente la pena.

 

L'album fotografico lo trovate al link: http://www.diariodelgusto.it/content/foto-album-taste-roma-2015-evento-enogastronomico-gourmet

2 comments

Default avatar
Marilia
Mar, 09/22/2015 - 14:12

I went to the festival and honestly did not care for it at all. Besides the good location and organization of the event, the ticket was costly, the foods were mediocre and overpriced, considering the size/quality ratio, the sitting arangements lacking. It was a waste of my money and time. The exception goes to the oyster bar, which offered beautiful French oyster, although the service was slow. In sum, not worthy at all. I expected more from some of the "best" restaurants in Rome.

Default avatar
Fabrizio Gallone
Mar, 09/22/2015 - 15:03

Non concordo con quanto hai scritto. Secondo me si mangiava benissimo. I prezzi non erano bassi, ma si sono potuti degustare ottimi piatti, a cura di chef di grande livello. Inoltre erano presenti non pochi stand (non quelli dei ristoranti che, ovviamente, erano tutti a pagamento) che offrivano degli assaggi di prodotti di alta qualità. Comunque, giustamente, ognuno ha i suoi modi di vedere.

Inserisci un nuovo commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

PHP code

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.